SEZIONI NOTIZIE

"Corri che ti passa" è il nuovo libro autobiografico di Federico Mancin

di Redazione Tuttorunning
Fonte: Antonello Menconi
Vedi letture
Foto

Corri che ti passa è una testimonianza autobiografica viva e coinvolgente. Si tratta del racconto di Federico Mancin, autore del libro che in un breve tempo si è visto trasformare negativamente la vita a causa di (presunti) problemi di salute, riuscendo però dopo alcuni mesi a raggiungere il sospirato benessere. Nel suo volume egli documenta molto bene il percorso da lui affrontato con decisione e caparbietà. La descrizione è palpitante: al lettore sembra di prendere parte in maniera diretta ai tanti momenti di vita presentati e alle intense emozioni del protagonista. L’ansia, l’angoscia, l’ipocondria sembrano condannare Federico ad un’esistenza dimezzata, vuota, preoccupante. Le sue “patologie” traggono giovamento innanzitutto dal ricorso ad un’attenta e sana alimentazione; ma il loro definitivo superamento avverrà in seguito alla scoperta, o meglio, alla riscoperta di un’attività tanto semplice quanto forse dimenticata: uscire, camminare e, ancor più, mettersi a correre. Tutto avviene (e viene rappresentato) con gradualità: vincendo i non pochi timori, gli attimi di cedimento, le tentazioni di abbandono. Un libro commovente che permette di toccare con mano la sofferenza, vera, intima e profonda, di un uomo, marito e giovane padre, che vede svanire la normalità e la stabilità della propria vita a causa di incubi e ossessioni che si manifestano sotto forma di sintomi di malattie invalidanti e incurabili (da lui immaginate come tali).

«Run this race».

Il lettore, con identica trepidazione, è accompagnato nel cammino di rinascita dell’autore, al reimpossessarsi della sua vita, alla ritrovata serenità personale e familiare. Grazie alla corsa. Grazie ad alcuni amici e alla costanza del suo impegno. In modo particolare grazie a Stefano, chiamato affettuosamente Coach, che lo segue nell’avventura del correre, gli detta ritmi e tempi, lo accompagna fisicamente e gli fornisce consigli su come affrontare i percorsi, evitare forzature, non abbandonarsi allo scoraggiamento. “Ste” lo incita a resistere di fronte al freddo, alla fatica, alle sensazioni di inadeguatezza o di inutilità dell’impegno. È così che Federico Mancin diventa un runner, un “Runner Extralarge” come si definisce ironicamente. Constatando che, nonostante gli sforzi per perdere peso, la sua taglia manterrà costantemente le stesse caratteristiche e le stesse dimensioni. Dalla depressione allo sport attivo, dallo spasmodico desiderio di sottoporsi a sofisticati esami diagnostici alla preparazione metodica delle gare, dell’allenamento e dell’abbigliamento. Dalla psicoterapia alle competizioni agonistiche. Fino alla sua prima mezza maratona di Brescia: 21 chilometri e 97 metri. Tutto è annotato con precisione. Compreso l’orgoglio, le lacrime, la soddisfazione di avercela fatta. Di essere giunto al traguardo della propria guarigione, avendo vinto quei fantasmi che erano riusciti a bloccare la sua vita. Ma non la sua corsa. 

Questo libro ha molto da insegnare, soprattutto a chi pensa di non farcela o pensa sia tutto finito e non vuole più nemmeno provarci. Il volumetto, di piccole dimensioni, rileva grandi verità. Comunica una contagiosa voglia di (ri)mettersi in cammino (e, perché no, anche di correre). Invitando a uscire dai propri condizionamenti e dalle proprie abitudini; dalle autosuggestioni e dai limiti che la nostra mente ci impone.

Perché leggere Corri che ti passa di Federico Mancin:

per avere testimonianza diretta di come la corsa, un’attività sportiva alla portata di tutti, possa condurre ad un completo benessere personale; perché è un libro semplice e schietto, denso di profonde verità.

Altre notizie
Venerdì 25 giugno 2021
00:47 Primo Piano Aperte le iscrizioni alla “Resia Rosolina Relay – Along Adige River”: appuntamento il 10 e 11 settembre
Mercoledì 23 giugno 2021
01:00 Primo Piano Il Magraid è stato un gran successo: di giorno e di notte! In 400 al via nelle varie distanze
Martedì 22 giugno 2021
20:59 Primo Piano Il mondo del podismo e delle corse piange la scomparsa di Emma, che ha perso la sua gara contro il cancro 20:25 Curiosità Ecco le 10 regole da seguire per continuare a correre con il caldo limitando i disagi
Lunedì 21 giugno 2021
19:39 News Successo per il terzo "Trail di corsa in montagna di Serragiumenta"
16:37 Primo Piano Crippa e De Marchi in trionfo al "Giro del Lago di Levico" 11:32 Primo Piano Tanta fatica e spettacolo per la storica Scalata all'Alpe di San Pellegrino
Domenica 20 giugno 2021
15:28 Primo Piano Emozioni e spettacolo per la "Strafoligno 2021" in notturna: successi di Francesca Bertoni e Stefano Massimi
Sabato 19 giugno 2021
16:53 Primo Piano La CorriCastrovillari è una società in festa! Campione regionale calabrese di corsa in montagna maschile e femminile!
Venerdì 18 giugno 2021
12:22 Primo Piano Il programma della prossima edizione della Lupatotissima del 18 e 19 settembre 07:41 Primo Piano Il 3 luglio appuntamento con la Primiero Dolomiti Marathon
Giovedì 17 giugno 2021
00:53 Primo Piano E' il momento della Strafoligno! Spettacolo ed emozioni per un venerdì sera lungo le strade della città sui 10 km
Mercoledì 16 giugno 2021
19:22 Editoriale Con le temperature estive spazio agli allenamenti combinati: ve lo suggerisce Orlando Pizzolato 12:18 Primo Piano Torna l'appuntamento con "La 30 trentina" ai laghi di Levico e Caldonazzo
Martedì 15 giugno 2021
13:30 Primo Piano Grazie alla "Virtual Placentia Half Marathon 2021" sono stati devoluti 2450 euro ad Unicef 08:42 Primo Piano Al Trail degli Altipiani successi di Zanchi e Zanotti con prestazioni di valore
Lunedì 14 giugno 2021
21:04 Primo Piano Siete iscritti alla Strafoligno di venerdì sera? Ecco tutte le indicazioni degli organizzatori 16:44 Primo Piano Vittoria marocchina alla Salò Run, anche se non del favorito della vigilia... 10:31 Primo Piano Che spettacolo la Maratona delle Acque a Terni! Fascino, emozioni ed organizzazione perfetta!
Domenica 13 giugno 2021
22:16 Primo Piano Lutto nel podismo: Francesco ci ha lasciato dopo che era felicissimo per aver portato a termine l'Ultrabericus di 65 km